4 dicembre 2017

Dizionario breve sul welfare aziendale a cura di ADAPT e AIWA

27. Welfare territoriale

Antonella Mauro


Per iscriverti al Bollettino ADAPT clicca qui

Definizione

Con l’espressione welfare territoriale, ci si riferisce a misure di welfare secondario attuate mediante strumenti – in genere la contrattazione collettiva territoriale e il contratto di rete – che consentono alle imprese collocate in un determinato territorio di aggregare le proprie competenze e risorse economiche per sostenerne la relativa progettazione e l’implementazione, anche con il coinvolgimento di una molteplicità di soggetti pubblici e privati anch’essi presenti sul territorio di riferimento.

 

Di cosa parliamo

Non si riscontra infatti una definizione compiuta di welfare territoriale. È possibile tuttavia estrapolare una sorta di modello tipologico attingendo dalla letteratura di settore e dalla configurazione concreta del fenomeno.

 

Il welfare territoriale consta di un ampio e articolato insieme di misure e iniziative che coinvolgono soggetti pubblici e privati (imprese, sindacati, organizzazioni datoriali enti bilaterali, società di mutuo soccorso e assicurazioni, fondi previdenziali, operatori del terzo settore, pubbliche amministrazioni locali) che si colloca in un più ampio processo di costituzione di cluster territoriali di imprese. Per cluster si intendono agglomerati spontanei di imprese concentrate sul territorio che cooperano e fanno ricorso a risorse comuni in una o più aree affini al loro settore e che si caratterizzano in base al collective good messo in comune, prodotto e utilizzabile nell’ambito delle specifiche relazioni cooperative.

Con specifico riferimento al tema del welfare, questo processo consente alle imprese, in particolare quelle medio-piccole, di aggregare le proprie risorse (sia economiche che a livello di competenze e rapporti con il territorio) per strutturare ed attuare misure di welfare aziendale che intercettino le esigenze non solo dei lavoratori, ma anche della popolazione del territorio di riferimento.

 

La cornice giuridica di riferimento delle misure che rientrano in questa tipologia di welfare aziendale sono generalmente l’accordo collettivo territoriale e il contratto di rete.

 

L’accordo collettivo territoriale, stipulato con le rappresentanze territoriali, si colloca ad un livello intermedio compreso tra quello della contrattazione collettiva nazionale e categoriale e la contrattazione aziendale.

Le imprese interessate posso aderire all’accordo territoriale eventualmente stipulato dalle rappresentanze territoriali o stipularne uno sia singolarmente che tramite una rete di imprese.

La rete di imprese è una aggregazione tra imprese indipendenti, istituita tramite un apposito contratto, che è appunto il contratto di rete, avente finalità di promozione e valorizzazione di progetti e investimenti condivisi per accrescere il potenziale d’innovazione e la capacità competitiva dei contraenti che prendono parte alla rete.

 

Il welfare territoriale nella contrattazione collettiva

La diffusione del welfare territoriale è, ad oggi, in generale esigua e poco uniforme.

 

Gli esempi più significativi di sistemi di welfare territoriale sono quelli realizzati combinando il contratto di rete e la contrattazione collettiva territoriale.

 

A titolo esemplificativo, si richiamano alcuni casi.

 

Rete GIUNCA

È la prima rete di imprese nata appositamente per proporre iniziative di welfare aziendale e che introduce il concetto di cooperazione tra imprese finalizzata al miglioramento del clima aziendale, del benessere dei lavoratori e della loro professionalità. Coinvolge 10 aziende dell’area di Varese, sia PMI che grandi imprese industriali

 

Network IEP

Costituito nel 2009 con la partecipazione di grandi aziende per sollecitare e il dibattito sul tema del welfare aziendale e progettare e proporre soluzioni e strumenti innovativi.

Tra i servizi di welfare (interanziendali): acquisto agevolato di prodotti (convenzioni); assistenza familiari anziani o disabili.

 

Rete PoEMA

Contratto territoriale (CCNL Metalmeccanica Federmeccanica) sottoscritto nel 2016 dalla rete di imprese PoEMA – Polo Europeo Microfusioni Aerospaziali, composta da 15 imprese del territorio irpino. In tema di welfare aziendale si prevede: assistenza sanitaria integrativa; asili nido; servizio bus; servizio mensa; fisoterapie.

 

Riferimenti normativi

– 51, 95 e 100, D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR)

– 1, co, 184 – 190, Legge 25 dicembre 2015, n. 208

– 1, co. 160, 161, 162, Legge 11 dicembre 2016, n. 232

 

Riferimenti bibliografici

Per la definizione, le caratteristiche e finalità del fenomeno

 

– Massagli E., Spattini S., Cosa intendiamo quando parliamo di welfare aziendale, Bollettino Adapt, 23 gennaio 2017;

–  AA.VV. (a cura di) Cesareo V., Welfare Responsabile, Vita e Pensiero, 2017;

– Maino F.- Mallone G., Welfare aziendale, contrattuale e territoriale: trasformazione in atto e prospettive di sviluppo, in (a cura di) Treu T., Welfare aziendale 2.0, Wolter Kluer, 2016;

– AA.VV. (a cura di) Rizza R., Bonvicini F, Attori e territori del welfare. Innovazioni nel welfare aziendale e nelle politiche di contrasto all’impoverimento: Innovazioni nel welfare aziendale e nelle politiche di contrasto all’impoverimento, Franco Angeli, 2015.

 

Per l’analisi empirica

 

– AA.VV. (a cura di) Rizza R., Bonvicini F., Attori e territori del welfare. Innovazioni nel welfare aziendale e nelle politiche di contrasto all’impoverimento: Innovazioni nel welfare aziendale e nelle politiche di contrasto all’impoverimento, Franco Angeli, 2015;

– Istat, Centro Studi Confindustria, RetImpresa, Reti d’impresa − Gli effetti del contratto di Rete sulla performance delle imprese, Bolletino Adapt, 20 novembre 2017, n. 39.

 

Antonella Mauro

ADAPT Junior Fellow

@a_mauro89

 

Scarica il PDF  

 




PinIt