I robot distruggeranno il lavoro, quindi serve il reddito minimo garantito. Siate creativi o una macchina vi sostituirà

Stefano Feltri (Il Fatto Quotidiano, 17 maggio 2017)


Solo il reddito minimo, garantito e universale, può proteggerci dalla distruzione dei posti di lavoro causata dalla tecnologia. Martin Ford ne è convinto: imprenditore della Silicon Valley, scrittore, speaker, editorialista, nel 2015 il suo libro Rise of the Robots è stato premiato come libro economico dell’anno da Financial Times e McKinsey. Arriva ora in Italia con il titolo Il futuro senza lavoro per Il Saggiatore. Da quando è uscito il libro negli Usa, Martin Ford ha girato il mondo per presentarlo e ha osservato la tecnologia seguire la traiettoria che lui aveva previsto, mettendo a rischio milioni di posti di lavoro in tempi ancora più rapidi di quanto si aspettava: “Ci sono ormai sistemi che possono tradurre il linguaggio parlato in tempo reale e le auto senza conducente diventeranno una realtà prima di quanto pensiate, distruggendo centinaia di migliaia di posti di lavoro”. Tutta colpa dei robot, che minano ormai i meccanismi alla base del capitalismo come lo abbiamo conosciuto.

Martin Ford, cos’è un robot?
Io uso il termine in senso molto lato: qualunque cosa determina automazione.

La tecnologia ha sempre distrutto posti di lavoro creandone però di nuovi. Cosa c’è di diverso ora con i robot?
Le macchine stanno cominciando a pensare, sostituiscono il lavoro del cervello, non più solo quello dei muscoli…

 

Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano




PinIt