6 marzo 2017

Legare i premi alla professionalità: il caso NTV

Davide Mosca


Dopo oltre un anno di trattative, il 20 gennaio 2017 la direzione dell’impresa ferroviaria Nuovo Trasporto Viaggiatori (NTV) e le organizzazioni sindacali hanno siglato un accordo aziendale riguardante i parametri e i criteri di attribuzione del premio di risultato per gli anni 2016 e 2017. L’intesa è stata dettata da tre ordini di fattori: la necessità di rivedere il precedente sistema premiale, etichettato di eccessiva rigidità; la volontà di far rientrare somme prima erogate unilateralmente nei margini della detassazione dei premi di risultato; l’intento dell’azienda di garantire erogazioni legate alle competenze espresse dai lavoratori, così da premiare la qualità del servizio e del lavoro prestato. Il premio di risultato siglato in NTV, occorre dunque premettere, poggia su tre indicatori, vale a dire la “Produttività aziendale”, la “Produttività individuale” e la “Produttività legata alla presenza e continuità nella prestazione”. Nello specifico, la “Produttività individuale”, che costituisce l’80% dell’intero importo premiale, è determinata da una valutazione delle competenze tecniche e trasversali dei dipendenti.

 

Il meccanismo valutativo interessa l’intera forza, con la sola esclusione delle figure dirigenziali. I lavoratori, in particolare, sono complessivamente ripartiti in 10 famiglie professionali, per un totale di 13 figure: “Personale di macchina”; “Operatori di impianto”; “Istruttori”; “Personale di bordo” (che comprende il train manager tutor, il train manager/train specialist e il train hostess/steward); “Personale di stazione” (che comprende lo station manager tutor/station manager/station specialist e lo station hostess/steward); “Coordinatori NTV”; “Coordinatori operativi viaggiatori/circolazione/flotta/distribuzione”; “Protezione asset”; “Quadri e Impiegati di 1° livello”; “Impiegati tra il 2° e il 4° livello”.

 

Ciascuna famiglia professionale è valutata, in diversa misura, in relazione ad obiettivi quantitativi e qualitativi. Mentre i primi sono misurati mediante dei test annuali volti a rilevare il mantenimento delle capacità strettamente tecniche del lavoratore, i secondi, qui di interesse, si compongono di 4 competenze (5 nel caso dei “Quadri o Impiegai di 1° livello”). Tali 4 competenze afferenti gli obiettivi qualitativi, nel merito, sono apprezzate attraverso una valutazione annuale, effettuata dal diretto responsabile del lavoratore, ed hanno tutte il medesimo peso. L’incidenza della valutazione della professionalità sull’indicatore di “Produttività individuale”, quindi, varia in base alla figura professionale o al ruolo ricoperto, sicché si passa da figure quale quella

dell’“Operatore di impianto”, in cui le competenze incidono per il 20% sulla “Produttività individuale” ed il resto è rimesso ai test di natura tecnica, a figure come quella dell’“Istruttore”, in cui le competenze determinano invece la totalità, e cioè il 100%, della “Produttività individuale”.

 

A titolo di esempio e per maggior chiarezza, la tabella di cui sotto (Tab. 1) riporta il caso della famiglia professionale del “Personale di bordo”, articolata nelle figure del train manager tutor, del train manager/specialist e del train hostess/steward.  Per ogni figura professionale, in particolare, si indicano le 4 competenze oggetto di valutazione.

 

Tab. 1 – Scheda di valutazione per “Personale di bordo”.

 

Train manager tutor
Competenze Leadership
Capacità comunicativa e relazionale
Adattabilità al contesto
Valutazione delle risorse
Train manager/specialist
Competenze Adattabilità al contesto
Problem solving operativo
Orientamento al cliente
Gestione delle risorse
Train hostess/steward
Competenze Qualità del servizio e orientamento al cliente
Adattabilità al contesto
Problem solving operativo
Capacità relazionale

 

La valutazione della professionalità del lavoratore, come anticipato effettuata dal diretto responsabile dello stesso, si conclude nel mese di marzo dell’anno successivo a quello di riferimento, con la consegna, in occasione di un incontro conclusivo, della scheda di valutazione finale, che il dipendente deve controfirmare. Nel mese di giugno o luglio il valutatore effettua comunque un incontro intermedio e di feedback con il lavoratore.

 

La scala di valutazione, come mostra la tabella di seguito (Tab. 2), è complessivamente compresa tra 1 e 5, ove a ciascun grado di voto corrispondono una spiegazione ed una percentuale di raggiungimento degli obiettivi qualitativi.

 

Tab. 2 – Scala di valutazione delle competenze.

 

Scala di valutazione
1 – 1,9 2 – 2,9 3 – 3,5 3,6 – 4,5 4,6 – 5
 

Insufficiente – Obiettivi qualitativi non raggiunti

 

Appena sufficiente – Obiettivi qualitativi raggiunti al 40% (55% per il “Personale di stazione”)

 

 

Sufficiente – Obiettivi qualitativi raggiunti al 60% (75% per il “Personale di stazione”)

 

 

Buono – Obiettivi qualitativi raggiunti all’80% (95% per il “Personale di stazione”)

 

 

Ottimo – Obiettivi qualitativi raggiunti al 100%

 

Infine, occorre precisare che al termine del processo di valutazione delle competenze non è prevista la formale possibilità, in capo al lavoratore, di rigetto dell’esito finale. Ciò nonostante, il dipendente, in questa fase conclusiva, può avanzare individualmente obiezioni ed avere un confronto con i responsabili dell’ufficio HR.

 

Il caso di NTV rappresenta una (rara) best practice in tema retribuzione variabile collegata alla professionalità dei lavoratori. Criteri valutativi trasparenti e chiari, schede di valutazione differenziate in base ai vari ruoli presenti in azienda, nonché momenti di incontro e confronto tra valutato e valutatore, sono alcuni degli elementi che configurano un sistema valutativo efficace e bilanciato. Management e sindacati hanno così condiviso un modello premiale in grado di individuare e misurare le competenze espresse dai dipendenti, dimostrando che è possibile perseguire la flessibilizzazione della retribuzione mediante la valutazione della professionalità della forza lavoro, e scongiurare, al contempo, l’incognita di giudizi incomprensibili e poco obiettivi.

 

Davide Mosca

Scuola internazionale di dottorato in Formazione della persona e mercato del lavoro

ADAPT, Università degli Studi di Bergamo

@Dav_Mosca

 

Scarica il PDF 




PinIt