Zingaretti, chi governa con le provocazioni non fa altro che aumentare la confusione

Sergio Boccadutri, Carlo Stagnaro (Linkiesta, 22 giugno 2018)


Dopo che il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha prima annunciato e poi ritirato un provvedimento sui fattorini delle piattaforme online, la giunta regionale del Lazio ha approvato – a tempo di record – una legge che ne disciplina aspetti lavoristici e previdenziali. Secondo Michele Tiraboschi, “toccando (anche) elementi dell’ordinamento civile e dei contratti di lavoro di competenza dello Stato, la legge è incostituzionale. Senza parlare della giungla normativa se solo ammettessimo leggi diverse per ogni Regione”. Di questo problema, lo stesso Zingaretti è pienamente consapevole. Tant’è che, intervistato da Radio 24, ha dichiarato: “innanzitutto è stata una provocazione perché era utile dare un segnale politico che qualcuno apriva le danze… Per come l’abbiamo scritta io credo che, anche se la competenza è statale, la legge si muova in ambiti che ne garantiscono l’efficacia quindi mi auguro che non venga impegnata. Ma comunque se questa nostra proposta aiuterà l’avvio di un dibattito nazionale ne siamo contenti”…

 

Continua a leggere su Linkiesta

 




PinIt