Salario minimo, sindacati restano contrari (ma la Cgil tace). Tiraboschi: “Mossa politica, c’è già reddito di cittadinanza”

Marco Procopio (Il Fatto Quotidiano, 11 marzo 2019)


Per Cisl e Uil “rischia di comprimere ancora di più il reddito, eliminando le altre integrazioni economiche previste dai ccnl”. Tiraboschi, direttore scientifico di Adapt: “Dal punto di vista tecnico il nuovo sussidio è anch’esso uno strumento a difesa del salario perché consente di rifiutare una proposta con compenso troppo basso. Meglio agire sui contratti pirata che fanno dumping o estendere i trattamenti salariali a tutti i contratti”

 

Combatte le disuguaglianze e prova a mettere un freno allaframmentazione dei contratti. Ma, secondo molti, rischia di favorire la disoccupazione, il lavoro nero e lo sfruttamento dei lavoratori. Il dibattito su vantaggi e svantaggi dell’introduzione del salario minimo è aperto da anni tra giuslavoristi, economisti e sindacati. Il tema è tornato al centro del dibattito dopo l’annuncio del vicepremier Luigi Di Maio di voler approvare il ddl depositato nel luglio scorso in Parlamento dal Movimento 5 stelle. Una proposta che si differenzia da quella del Pd non solo per il livello minimo orario proposto (9 euro lordicontro 9 euro netti) ma soprattutto perché ribadisce il ruolo centrale della contrattazione collettiva

 

Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano

 




PinIt