L’esercizio del potere disciplinare da parte del datore di lavoro è condizionato al rispetto della procedura prevista dal contratto collettivo e, in particolare, del c.d. termine a difesa che precede l’audizione dell’interessato.

Sentenza del 27 febbraio 2015, n. 3984





PinIt