Le condotte aggressive e le pressioni della superiore della lavoratrice, successivamente al rientro dalla maternità, costituiscono discriminazioni di genere che vanno accertate tenendo conto anche della versione della lavoratrice interessata, da valutare nel quadro degli elementi probatori raccolti

Corte di Appello di Firenze, 2 luglio 2015





PinIt