Lavoro, “Io, in coda sotto al caldo per diventare Navigator, in mezzo a un’Italia perduta”

Tommaso Ederoclite (L’Espresso, 21 giugno 2019)


Giovani laureati, perfino con master all’estero. Cinquantenni da sempre precari. Mamme con neonati. Padri e figli insieme. Tutti a fare il concorsone per due anni di co.co.co., in un immenso padiglione romano dove si misura il fallimento di questo Paese.

 

 

Tra le oltre 70 mila domande inviate per partecipare al concorso per i cosiddetti Navigator c’era anche la mia.

Circa due settimane fa ho letto l’elenco delle persone ammesse alla prova e sono stato convocato per i quiz che hanno come scopo quello di selezionare coloro che dovrebbero in futuro “aiutare” i fruitori del reddito di cittadinanza a trovare lavoro…

 

Continua a leggere su L’Espresso

 




PinIt