24 ottobre 2016

Apprendistato: l’urgenza di una azione della contrattazione collettiva

Alessia Battaglia, Manuela Bocciolone


Il rilancio di un sistema duale di integrazione tra scuola e lavoro è tra gli obiettivi della riforma dell’apprendistato contenuta nel Capo V del decreto legislativo n. 81/2015. Tuttavia, a più di un anno di distanza dall’entrata in vigore della nuova disciplina diversi sono gli elementi che inducono a ritenere ancora lontano l’obiettivo prefissato dal Legislatore.

 

Da un lato, un periodo transitorio dai tratti molto incerti, dall’altro, una regolamentazione regionale ancora a macchia di leopardo, essendo ad oggi solo otto le Regioni che si sono dotate di una disciplina autonoma in materia di apprendistato di primo e terzo livello. Nemmeno il correttivo previsto dal Governo nelle settimane scorse è parso in grado di imprimere una svolta decisiva per il rilancio dello strumento (Si veda:  M. Tiraboschi, U. Buratti,  Apprendistato: un correttivo che non centra l’obiettivo).

 

Lo scenario di incertezza non muta nemmeno se si volge lo sguardo a quanto fatto dalle Parti Sociali fino ad ora. Per una piena diffusione dell’apprendistato, infatti, è necessaria un’azione della contrattazione collettiva tale da dare un quadro di riferimento chiaro e preciso agli operatori del mercato del lavoro.

 

Sul punto si registrano  tre accordi interconfederali di livello nazionale tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria prima, Confservizi  poi e infine le rappresentanze datoriali delle Cooperative. Tali accordi hanno il comune intento di rilanciare l’apprendistato di primo e terzo livello, riconoscendolo come strumento necessario per implementare l’occupazione giovanile e per realizzare il sistema duale di alternanza scuola lavoro cui il legislatore del Jobs Act aspira.

Il nodo principale da questi affrontato è quello della retribuzione, elemento la cui definizione si rivela essenziale per l’applicazione del contratto da parte delle imprese.

 

Le Parti Sociali sono intervenute, tramite lo strumento dell’accordo interconfederale, anche a livello regionale e provinciale. Accordi si registrano nella provincia di Varese per l’apprendistato di primo livello; in Lombardia per l’apprendistato di primo livello nel settore dell’artigianato e, infine, sempre gli artigiani in Veneto hanno disciplinato l’apprendistato di primo e terzo livello. Sul punto è bene ricordare che la possibilità di intervenire tramite accordi interconfederali non di livello nazionale è data dallo stesso art. 42, comma 5 del decreto legislativo n. 81/2015 nel momento in cui questo non specifica di quale livello debbano essere gli accordi interconfederali che regolano la materia, mentre lo fa espressamente per i contratti collettivi, che devono essere nazionali.

Si tratta di accordi che, oltre a trattare dell’elemento fondamentale della retribuzione, disciplinano l’istituto nel suo complesso: dal contenuto del PFI alle modalità di svolgimento della formazione, fino all’introduzione di elementi del tutto nuovi per un contratto di apprendistato, quali le prestazioni di welfare collettivo e un sistema di previdenza complementare a favore dell’apprendista, come effettuato dagli artigiani del Veneto.

 

Se si sposta, invece, l’attenzione sull’azione della contrattazione collettiva nazionale si nota una certa resistenza nell’accogliere le nuove disposizioni in materia di apprendistato. La stessa spesso non si è adeguata, bensì è rimasta fedele alla precedente disciplina.

Questo è quanto è emerso dall’esame di 57 CCNL siglati dal giugno 2015, data di entrata in vigore del decreto legislativo n.81/2015, ad oggi, di cui solo 13 disciplinano il contratto di apprendistato al loro interno, ma di questi soltanto 7 si sono adeguati alla nuova normativa, mentre i rimanenti fanno ancora riferimento al decreto legislativo n. 167/2011.

 

Figura 1 – Comparazione CCNL mappati e CCNL disciplinanti apprendistato

2016-10-17_172532

Fonte: elaborazione a cura di ADAPT

 

Di seguito si riporta una tabella con l’indicazione dei settori e delle relative parti firmatarie che, nel periodo suddetto, hanno rinnovato il CCNL di riferimento e disciplinano l’apprendistato.

 

 

CCNL sottoscritti dopo il giugno 2015 disciplinanti l’apprendistato
Settore (CCNL sottoscritti dal giugno 2015) Parti firmatarie D.Lgs 167/2011 D.Lgs 81/2015
 

 

Area chimica/ceramica

Confartigianato chimica, gomma, plastica, vetro

Confartigianato associazione ceramisti

CNA produzione

Casartigiani

CLAAI

e

Filctem Cgl

Femca Cisl

Uiltec Uil

 

 

 

 

 

 

X

 

 

CED – Centri Elaborazione Dati

Assoced

LAIT

e

UGL Terziario

 

 

 

X

 

 

Studi professionali

Confprofessioni

e

Filcams Cgil

Fisascat Cisl

Uiltucs Uil

 

 

X

 

Agenzie immobiliari

FIAIP

e

Fisascat-Cisl

Uiltucs

 

X

 

 

Porti

Assoporti, Assologistica

e

Assiterminal, Fise/Uniport

 

 

X

 

 

 

Scuole non statali

Aninsei

e

FLC Cgil

Cisl Scuola

Uil Scuola

Snals-Confsal

 

 

 

X

 

 

 

Trasporti

Asstra

Anav

e

FILT-Cgil

FIT-cisl

Uil Trasporti

Faisa Cisal

Ulgfna

 

 

 

X

 

 

Impianti a fune

Anef

e

Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil Trasporti, Savt

 

 

X

 

 

Scuole materne Fism

Fism

e

Cisl Scuola, FLC Cgil, Uil Scuola, Snals-Conf.S.A.L.

 

 

X

Enti culturali, turistici e sportivi Federculture Federculture

e

FP Cgil, Cisl, Uil FPL, Uil PA

 

X

Metalmeccanici (piccola industria) Confimi Confimi impresa meccanica

e

FIM Cisl, UIM Uil

 

X

Gomma plastica (industria) Federazione Gomma Plastica, Associazione italiana Ricostruttori Pneumatici

e

Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil

 

 

 

 

 

X

Impianti sportivi e palestre

 

 

Confederazione italiana dello Sport – Confcommercio

e

Slc-Cgil, Fisascat-Cisl, Uilcom-Uil

 

 

 

 

 

ND

 

 

 

 

 

ND

 

Fonte: elaborazione dati a cura di ADAPT

 

Dall’esame dei 13 CCNL disciplinanti l’apprendistato, emerge che 6 applicano ancora la precedente disciplina e i rimanenti 7 recepiscono quella attuale.

 

Figura 2 – Comparazione tra i CCNL che si riferiscono al D.Lgs 167/2011 e CCNL che si adeguano al D.Lgs 81/2015

2016-10-17_172948

Fonte: Elaborazione a cura di ADAPT

 

Inoltre, dei 7 contratti che recepiscono la nuova disciplina, 4 si occupano esclusivamente dell’apprendistato professionalizzante, mentre gli altri 3 si innovano rispetto a tutte le tipologie. Tale aspetto appare curioso in ragione del fatto per cui la disciplina dell’apprendistato di secondo livello, non ha subito sostanziali modifiche ad opera del testo del 2015, a fronte delle novità introdotte per quelli di primo e di terzo livello, maggiormente affini con lo scopo di incrementare lo schema duale scuola-lavoro.

 

Figura 3 – Comparazione tra CCNL disciplinanti apprendistato solo II livello e CCNL disciplinanti tutti e tre i livelli

2016-10-17_173151

Fonte: elaborazione dati a cura di ADAPT

 

Il contributo fornito dalla contrattazione collettiva per disciplinare aspetti specifici e talvolta controversi, come quello retributivo, è essenziale alla diffusione delle forme contrattuali. Al contrario, l’assenza di una copertura in tal senso, a cui si aggiunge l’incremento delle procedure burocratiche da rispettare per l’attivazione del rapporto (quali la predisposizione del PFI da allegare al contratto di apprendistato di primo livello o di un protocollo tra il datore di lavoro e l’istituzione formativa per quello di terzo livello), disincentivano le imprese dal volerlo intraprendere.

 

Il rischio concreto che comporta l’assenza di una disciplina concordata degli aspetti più pratici necessari all’applicazione dell’istituto è quello di vanificare l’obiettivo del legislatore del Jobs Act di creare un sistema duale di alternanza scuola-lavoro che contribuisca realmente ad inserire i giovani all’interno del mercato del lavoro. Per questo motivo sarebbe importante che la contrattazione collettiva (ri)diventasse la protagonista del contratto di apprendistato, garantendo, in prima battuta, un quadro certo grazie ad accordi interconfederali e poi – via via – ad apposite discipline nei vari ccnl.

 

Alessia Battaglia

Scuola di dottorato in Formazione della persona e mercato del lavoro

Università degli Studi di Bergamo

@_alebattaglia

 

Manuela Bocciolone

Scuola di dottorato in Formazione della persona e mercato del lavoro

Università degli Studi di Bergamo

@Manu_Bocciolone

 

Scarica il PDF pdf_icon




PinIt